19 August 2013

Interview: Eivør Pálsdóttir

Today I have as a guest Eivør Pálsdóttir, one of the most popular Faroese singers and songwriters, with a voice of rare beauty and power. From the age of fifteen she decided to dedicate her life entirely to music, and her roots in these remote and astonishingly beautiful islands have been the source of her musical inspiration ever since.
Today, she will tell something more about her music, art and personal inspiration..

Let’s start talking about your latest performance at Faroese G! festival. How does it feel, for you that have become an internationally well-known artist, to come back to your homeplace and play in front of your fellow Faroese people during one of the most important events of the summer?

It is always special to play at the G! festival. The festival takes place in my little hometown where I spent my childhood and teenage years. I always get a bit sentimental when I come back. I also get extra nervous because I know so many people in the crowd and I feel that they know me so well. I really loved playing at the festival this year and I still feel the rush from the warm welcome I got from the crowd this year. 

Moving to your latest release: the album Room is quite different from your second last production, 2010’s Larva. How has this album come to life? 

The songs on this album were all written in 2011. This was a very emotional year for me because I lost my father who was a very dear friend to me. I started writing the songs for the album in this period and they all come from a very fragile and lonely place, but at the same time they are filled with gratefulness and love. I ended up producing the album with my husband Tróndur Bogason. And we decided to record the album in the Faroe Islands. 

Speaking of, the recordings of Room have taken place in your home country, in a studio of Tórshavn. Why have you chosen the Studio Bloch and how’s this experience been? 

I have always recorded my albums abroad because I like studios with good equipment and big rooms. We never had that kind of studios in the Faroe Islands until just recently. My friend Jónas Bloch opened up the studio at the same time as I had finished the songs for the album so the timing was perfect. It was a special experience to record this album in my homeland. And – with these songs - it made more sense to me than ever to be “home” among good friends.

Two of the most catching songs of this album, True Love and Rain have also become respectively a short movie and a video. How would you describe these attempts to translate the power of your music into a visual concept? 

I like good music videos because they can either help you understand the meaning of the songs or even give you a completely new angle to understanding the song. It is tricky though, because it can also put things too much into boxes. 
So I am at the same time quite sensitive about the videos being made for my songs.
The video for True Love was directed by Heiðrik A Heygum. He asked me if he could use this song for a school project as the final exam. He wanted to make a short film based on the lyrics and also a music video out of the same material. Being a fan of his previous works I thought this was a brilliant idea.  I decided to give him a lot of free space to work on the visual ideas for the video and I like how he interpreted the song. 
We are editing the Rain video at the moment and I am very exited to see the final result.

Still on Room: why does the album not feature any song sung in a language different from English, with the only exception of the bonus track Eg Veit

I grew up listening to artists like Leonard Cohen and Joni Mitchel so there is something about the English language that resonates in me as well as the Faroese. My previous albums have been mainly in Faroese but my two latest ones are in English.

The bonus track Eg veit was written before the rest of the material on the album and I decided to translate it from Faroese to English and have both versions on the digital Room album.

Your breathtaking music and amazing voice leads to a quite obvious question: what does inspire you to create such works of art? 

Thank you for your kind words. Well I am inspired by a lot of artists and people that I have meet in my life. Some of the people that have made big impression on me are Yma Sumac, Nina Simone, Billy Holliday, Nick Drake and not to forget Leonard Cohen. And above all Nature inspires me over and over again and gives me the energy that I need. 

The Faroese label TUTL has also re-released one of the gems of your discography, Krákan, which was originally published in 2002. Which are the reasons that led you to release this album again? 

To make it short the album was sold out for a long time and after sorting out some record label issues we decided to re-release the album with a new cover made by the Faroese artist Edward Fuglø. I have been getting a lot of requests from people asking about this album so I am happy that it is available again.

This year you’ve already done several international gigs and, during this summer, you’re touring throughout different Scandinavian countries. Is there any chance to see you performing in other European countries soon? 

Well, I have a tour coming up in Germany this fall and I am very exited about that.  It will start in Hamburg (November, 15th), followed by Frankfurt (Nov, 17th), Berlin (Nov, 18th), Halle (Nov, 19th) and Flensburg (Nov, 20th).

You are one of the most well-known Faroese artists in the world and you’re now also working with one other Faroese band which has seen its popularity quickly growing in these last years. How would you describe your collaboration with the doom metal band Hamferð

I like the dark music that Hamferð creates. There is something very Faroese about it. Like me, they are inspired by Faroese folk ballads so we have something in common even though we are opposites. They asked me to sing on their track Sinniloysi and it think that our opposite sound scapes combined very well. Singing with Hamferð is like riding a big heavy wave in stormy weather. 

Now our interview its coming to its end. Thanks for the time you’ve dedicated answering my questions. Before you leave, could you describe your plans for the future? 

In two weeks I will travel to Victoria in Canada to participate in Gavin Bryars new opera called Marilyn Forever  based on aspects of the life of actress Marilyn Monroe. I will have the role of Marilyn. A very challenging and exciting project.
After that I will be touring Denmark with Eivør&Ginman after dark, a collaboration with bass player Lennart Ginman that I am very excited about. Then in November Room will be released in Germany and I will start my Germany release tour on Nov 15th in Hamburg. 

And hopefully new music will be born for 2014.

Eivør's discography:

Eivør Pálsdóttir (2000)
Krákan (2002)
Eivør (2004)
Trøllabundin (2005)
Mannabarn (2007)
Eivør Live (2009)
Undo your mind EP (2010)
Larva (2010)
Room (2012)

More on Eivør Pálsdóttir on her official website, Facebook and Youtube page

All the photos in this article, courtesy of Sigvør Laksá | Eivor.com

09 August 2013

Metaldays 2013: a reportage by Emma Costi

Come da tradizione, anche nel 2013 non è mancato l'attesissimo appuntamento con il festival sloveno per eccellenza, il Metaldays. Nonostante il cambio di nome e lo svolgimento anticipato a fine luglio, questo ricco evento ha soddisfatto le aspettative dei moltissimi presenti, che hanno affollato i numerosi concerti in programma.
A raccontarci delle esibizioni più salienti svoltesi in quel dell'idillica Soca è per noi, anche quest'anno, Emma Costi.


I Blaakyum sono una delle band emergenti più particolari esibitesi sul main stage durante la prima giornata dei Metaldays.

Il gruppo, che si definisce la più vecchia band heavy metal libanese in circolazione, si è infatti fatta ricordare non solo per l'interessante concerto, in cui questi ragazzi, attivi dal 1995, hanno davvero dato il meglio di loro stessi, ma anche per la grande opera di volantinaggio posta in essere prima del proprio show. Nei flyer distribuiti, infatti, la band sottolineava l'importanza, per questo combo, di essere riusciti comunque ad arrivare in Slovenia, nonostante le grandi difficoltà negli spostamenti da quell'area del Medio Oriente, a causa delle continue crisi legate al conflitto che sta lentamente distruggendo la vicina Siria. 


A infiammare la serata del lunedì e a concludere una prima giornata tutt'altro che sottotono, ci pensano gli attesissimi In Flames. Nell'abbondante ora e mezza di esibizione, i masters del melodic death made in Sweden sanno infiammare e convincere il foltissimo pubblico accorso ai piedi del main stage. Tecnicamente impeccabili, gli scandinavi non peccano nemmeno nella presentazione on stage, grazie all'entusiasmo e l'energia del proprio storico frontman Anders Fridén, in grado di coinvolgere i fans anche durante le pause. Davvero dei professionisti.


Nuovo giorno, vecchia conoscenza. Ad esibirsi il martedì sono infatti gli Arkona, gruppo oramai molto conosciuto dal pubblico italiano e non solo. La loro notorietà si traduce in un ampio pubblico che li attende trepidante sotto il palco. L'esibizione, che ha approssimativamente seguito le linee e le tracce proposte durante il Fosh Fest del 2012, pur non essendo brillantissima, sopratutto a livello vocale, ha saputo coinvolgere quasi tutti i presenti, grazie ai brani d'ispirazione russa dai ritmi trascinanti, come da tradizione.


Altra vecchia conoscenza del pubblico italiano sono gli Alestorm che, anche in quel di Soca, non hanno fatto mancare la loro dose di pazzia, ironia e stranezze varie. Infatti, nonostante il genere proposto non sia né eccessivamente ripetitivo, né particolarmente innovativo, su questa band, oramai diventata icona del pirate metal europeo, non si possono che spendere belle parole, sopratutto quando si considera il loro innato talento nel trasmettere entusiasmo ad un pubblico che, come sempre, non si è affatto fatto pregare nel supportarli con grande energia.


C'erano una volta i Mayhem. C'erano, hanno fatto la storia, hanno scritto una pagina del black metal, ma non la riscriveranno mai più. A vedere dal vivo questa brutta e scialba copia di quelli che un tempo furono i Mayhem, sopratutto per quanto riguarda l'attitudine e l'entusiasmo sul palco, viene da chiedersi il perché continuino ad esibirsi, a tirare avanti fino al collasso una creatura che non vive né funziona più. Prevedibilmente bocciati da pubblico e critica.


Inarrestabili e sempre on the road, i finlandesi Sonata Arctica invadono il festival con la loro carica ed energia. Nonostante qualche problema e qualche errore, che certamente non farà ricordare questo show come uno dei migliori del combo di Oulu, l'esibizione, premiata da un'audience davvero molto ricca, si è incentrata sopratutto su brani tratti dal più recente Stones Grow Her Name, pur senza tralasciare quei brani 'storici', appartenenti a release più datate, tanto amati dal pubblico.


Gli italici From the Depth tornano ai Metaldays dopo la buona esibizione dell'anno scorso svoltasi sul second stage. In un anno la band appare migliorata e maturata, ma il genere offerto, a cavallo tra power, melodie e passaggi sinfonici, si mantiene molto elitario e di non facile fruizione, fattore che, nonostante le capacità tecniche del gruppo si mantengano su un livello alto, allontana dal palco parte del pubblico del festival.


Giunti -e non immeritatamente- fino al second stage di questo festival grazie ad un contest per band emergenti svoltosi la scorsa estate, i veneti Vallorch dimostrano non solo il loro talento musicale in live, ma sopratutto la loro grande capacità di mantenere un forte legame con il proprio pubblico, ricco ed energico durante l'intera esibizione dell'italica band e caloroso anche al termine del set. 


In alcuni festival, un palco dal nome poco invitante come 'second stage' ha un unico significato: vi si esibiscono gruppi meno importanti, con meno pubblico e spesso meno capaci. Non è questo il caso dei Metaldays. Non è il caso degli Enslaved. La band, al debutto in Slovenia, è infatti capace di dar vita ad un'esibizione ricca ed interessante, in parte incentrata su brani tratti da RIITIIR, ma capace di deliziare i fans più accaniti con perle scelte all'interno dei diversi album finora pubblicati dai norvegesi, creando una setlist capace di tornare indietro fino al 1993, con la freschezza e la maturità di vent'anni dopo. 


Headliner del main stage il giovedì, gli Iced Earth fanno furori e mandano in visibilio un ricco pubblico che, al termine del set, li 'costringe' anche ad un secondo encore (My Own Savior) dopo il primo in programma (che ha incluso Boiling Point, Watching Over Me Iced Earth). La band, tecnicamente pressoché impeccabile, scalda l'atmosfera di Soca con i propri brani migliori e trasmette tutta la propria energia durante l'intera durata di un set trascinante, che difficilmente i fans presenti riusciranno a dimenticare.


Il venerdì ai Metaldays per molti ha, non ha caso, un solo nome: Wintersun. La band finlandese, finalmente pronta a poter portare sul palco il tanto atteso Time I, si concentra sopratutto sui brani dell'ormai storico Wintersun, dando entusiastica prova delle proprie notevoli capacità tecniche anche in live. Tuttavia, ad uno slot già risicato se si considera la lunghezza media delle loro tracce, si aggiunge anche un po' di sfortuna, che obbliga il combo nordico ad accorciare il proprio show a causa della mancanza di elettricità, che funesta non solo i palchi ma l'intera location del festival. Un peccato.


Ormai lo si sa: King Diamond è oramai più sinonimo di spettacolo, che di concerti di qualità. Parla chiaro la sua discografia, senza un ricambio dal lontano 2007, e parlano chiaro anche le sue esibizioni. Infatti, anche se la grande scenografia (probabilmente la più complessa, tra quelle montate sui palchi dei Metaldays 2013) lascia il segno, così come la carismatica figura di King è capace di attrarre moltissimo pubblico, non è affatto memorabile lo show musicale in sé, tanto da ridursi spesso a passaggi chiaramente registrati. Una performance per soli fans.


Attesa e degna chiusura di un festival che ha saputo accontentare tutti, salgono per ultimi sul palco i Candlemass. Il combo svedese dimostra grande professionalità e talento, nel far calare una profonda e pesante atmosfera doom su Soca, suonando dal vivo una decina di brani, equamente scelti all'interno della loro ricca discografia, da Epicus Doomicus Metallicus al più recente Psalms for the Dead Senza dubbio uno dei migliori set dell'intero evento.

Tutte le foto di questo report sono a cura di Emma Costi
Visitate la sua pagina su Facebook e deviantArt

06 August 2013

Intervista: Angist

Hanno bravura e talento da vendere, uno stile originale e tanta voglia di portare avanti il proprio progetto in musica. Ma soprattutto, quello che contraddistingue gli Angist e in particolare le sue due leader Edda e Gyða è la grande franchezza: non cercano facili consensi in quanto donne, non suonano death metal solo per scherzare…

Oggi abbiamo come ospite la band death metal islandese Angist quasi al completo, con la frontman e chitarrista Edda Tegeder, l’altra chitarrista, Gyða Þorvaldsdóttir e il bassista Haraldur Ingi Shoshan. Benvenuti! Innanzitutto, visto che il festival islandese Eistnaflug è una delle tappe intermedie del vostro tour con la band faroese Earth Divide, quali sono le vostre impressioni su Ferðin til Heljar tour 2013 (tour che annualmente comprende una band faroese e una islandese, con tappe in entrambe le nazioni, NdR)?

Gyða Finora è stato grandioso, fantastico, veramente interessante, i ragazzi dell’altra band, gli Earth Divide, sono davvero divertenti…
Edda Siamo stati veramente fortunati ad essere scelti per questo tour con loro…
Gyða Infatti è lo staff del G! Festival che ogni anno sceglie due gruppi, uno islandese e uno faroese, per questo tour, così uno si ritrova a spendere due intere settimane di tour con una band di sconosciuti… siamo stati davvero fortunati ad aver incontrato loro. Finora è stato meraviglioso, ci siamo divertiti molto…
Haraldur E non vediamo l’ora di andare alle isole Fær Øer!

Un’altra notizia particolare è stata quella della ripubblicazione di uno dei vostri primi lavori, l’EP Circle Of Suffering, in un’edizione nuova, arricchita e, soprattutto, in cassetta. Quali sono le ragioni che vi hanno portato a fare questa scelta inusuale?

Gyða È stata una cosa piuttosto casuale, c’è stata una persona in Malesia, titolare di una distro (la Narrowards Kult, NdR) che ci ha contattato per proporci un affare. Voleva pubblicare i nostri lavori ma è molto costoso spedire dei cd dall’Islanda, senza contare che, a causa delle tasse doganali, avremmo dovuto pagare un extra nel momento in cui ci sarebbero state spedite le copie. Quindi ci siamo visti costretti a declinare l’offerta, visto che avremmo solamente sprecato soldi. Lui ci ha risposto che però voleva pubblicarlo comunque, ma in cassetta, e noi abbiamo accettato. Visti i lunghi tempi di spedizione dalla Malesia, non abbiamo personalmente ancora ricevuto le nostre copie, ma il lavoro è stato realizzato in maniera davvero professionale.
Edda Questa versione include inoltre le canzoni presenti nella nostra prima demo ed è la prima ad includere quanto pubblicato nell’EP e nella demo.
Gyða Siamo veramente soddisfatti, nonostante fosse una cosa piuttosto casuale, il ragazzo è stato davvero professionale e si è dedicato con passione a questo lavoro, è stato grandioso.

Dal passato al futuro: avete annunciate di voler pubblicare un album entro la fine dell’anno. Come stanno procedendo le registrazioni? Avete qualche anticipazione da fare in merito?

Edda Abbiamo già chiaramente iniziato a lavorare su quest’album e a scrivere canzoni e speriamo di pubblicarlo a breve…
Gyða Questo dipende sopratutto dalla nostra label, noi pianificavamo di cominciare a registrare molto prima, visto che noi siamo tutti dei lavoratori o degli studenti che non hanno molto tempo libero, ma non siamo riusciti a fare molto lo scorso inverno e ora siamo in tour. Speriamo quindi di continuare a registrare in settembre e ottobre, poi vedremo cosa dirà la label. Ci auguriamo che il processo sarà piuttosto rapido.

Parlando di label, avete recentemente firmato un contratto discografico con l’etichetta statunitense Abyss Records: siete soddisfatti di questa nuova collaborazione?

Gyða Finora, siamo soddisfatti. Daniel Ferguson, il titolare della label, è uno come noi: ha dato vita a questa piccola etichetta, sta continuando a svilupparla e tratta con grande rispetto i suoi artisti, quindi siamo contenti. Inoltre, personalmente lui ci ha seguito fin dall’inizio, ci aveva contattato subito non appena avevamo pubblicato le nostre prime due canzoni su Myspace e già allora avevamo discusso della nostra musica. Non so se farci firmare un contratto fosse già nella sua mente allora, ma quando ci siamo messi alla ricerca di una label, lui si è fatto risentire e abbiamo concluso l’affare. Finora è andato tutto bene, perché questo ambiente professionale e ricco di dedizione per la musica è esattamente quello che cercavamo.

Giunge il momento per una domanda piuttosto ovvia: come ci si sente, ad essere le leader femminili di una band death metal? Come vi siete trovate, all’interno della scena islandese? Avete mai dovuto affrontare dei problemi?

Edda Ci sono stati momenti difficili, ma in generale la gente ci supporta…
Gyða Noi non vediamo noi stesse come “oh sì, noi siamo donne che fanno metal”, non abbiamo questa idea di noi stesse… ah, non so davvero mai come rispondere ad una domanda come questa! (ride, NdR). Siamo solo due ragazze in una band, ci divertiamo ed è bello poter avere qualcun’altra con cui parlare, spendere del tempo, truccarsi e cose di questo genere…
Edda Noi abbiamo comunque già altre esperienze precedenti a questa nella scena metal islandese, quindi la situazione si è consolidata.
Haraldur A volte qualche problema c’è, ma mai niente di eccessivo o troppo preoccupante.
Gyða Ci sono persone che si avvicinano alla nostra band proprio perché capitata da due donne, ma anche altri che non ascoltano nemmeno la nostra musica proprio perché ci siamo noi. Non ci promuoviamo solo come una band al femminile, facciamo musica e quando con la nostra esperienza riusciamo a invogliare qualche altra ragazza ad avvicinarsi a questo mondo, siamo felici.
Edda A me personalmente piacerebbe davvero molto vedere più donne attive nella scena metal e rock islandese!
Gyða Poi c’è sempre da ricordare che ognuno ha la libertà di pensare quello che crede. Noi facciamo la nostra musica e ci interessa relativamente poco di coloro i quali non ci apprezzano, noi andiamo avanti!

Lo stile che presentate è molto convincente, possente ed old school. Come nasce, dunque, una canzone degli Angist?

Gyða Io ed Edda ci incontriamo spesso in un salotto, che è più o meno il quartier generale della band e proviamo, discutiamo nuove idee, arrangiamo nuovi materiali. Quando proviamo, tutta la band porta il suo contributo e il processo si sviluppa piuttosto velocemente.
Edda Di solito non facciamo né ci basiamo su piani particolari…
Gyða Infatti, nella maggioranza dei casi abbiamo un’idea di fondo, ma non un progetto che dobbiamo seguire alla lettera. Facciamo quello che ci sentiamo di fare, seguiamo quello che c’è nella nostra mente e cerchiamo di essere noi stessi. Abbiamo canzoni a cui abbiamo cambiato i riff principali almeno quattro volte, quindi capisci come difficilmente poniamo dei paletti su aspetti che, una volta scelti, non possono essere più modificati. Spesso cambiamo tutto anche solo dopo aver avuto un’idea fulminea…
Edda Soprattutto dopo aver suonato dal vivo, spesso sul palco ci vengono tante nuove idee!

Oltre al vostro stile peculiare, la caratteristica che salta immediatamente all’orecchio di chiunque vi ascolti, anche per la prima volta, è la voce aggressiva e potente di Edda. Quale tipo di percorso e formazione hai seguito, per riuscire a raggiungere un tale livello e stile vocalico?

Edda Penso che sia necessario innanzitutto prendersi cura della propria voce e imparare la tecnica giusta, soprattutto nel caso in cui ci siano due – tre show uno dopo l’altro. Io ho trovato un’insegnante che mi ha insegnato molto, sia per quanto riguarda l’uso della voce che le tecniche di riscaldamento prima di un’esibizione ed è stato fondamentale. Io, poi, ho anche esperienza di canto in pulito, che mi ha certo aiutato, ma la base per me rimane sempre l’esercizio, tanto e svolto in maniera costante.

Dopo molti anni in cui vi siete trovati alle prese con diversi cambiamenti di line-up alla batteria e le difficoltà che ne conseguono, come vi trovate ora a lavorare con Tumi Gíslason, il vostro attuale, e finalmente fisso, batterista?

Gyða Il problema principale del nostro primo batterista è stato quello che egli era membro di altri tre o quattro gruppi contemporaneamente… è un problema tipico qui in Islanda, abbiamo tanti bravi batteristi, ma sono quasi tutti impegnati allo stesso momento in molti e diversi progetti musicali. Quindi è rimasto con noi per pochi mesi, neanche per il tempo delle nostre prime registrazioni. Con il secondo le cose non hanno semplicemente funzionato, non abbiamo mai trovato l’armonia giusta. Siamo davvero fortunati ora ad avere Tumi, è una persona davvero appassionata del proprio lavoro, è professionale e si trova bene nel nostro piccolo gruppo…
Edda Nella nostra sorta piccola famiglia…
Gyða E ci ha portato davvero ad un altro livello, non possiamo negarlo. Lui, con noi, ha fatto il tour in Francia come session e al nostro ritorno in Islanda è immediatamente diventato un membro ufficiale del gruppo. È molto creativo ed è proprio quello che cercavamo perché, durante i nostri concerti, abbiamo sempre voluto cercare di trasmettere qualcosa, di dare il nostro meglio e con lui ci riusciamo, ci possiamo fidare di lui, senza preoccuparci di nulla. Ha decisamente cambiato la band.

Quali sono, a tutt’oggi, i piani per il vostro prossimo futuro? 
State programmando qualcosa in vista del periodo post pubblicazione dell’album come, ad esempio, un tour?

Gyða Andare in tour sarebbe il nostro sogno
Edda Esatto, speriamo davvero di poter organizzare delle date in Europa
Gyða Dopo aver pubblicato l’album, ci auguriamo di poter organizzare dei concerti, finora siamo stati in tour in Francia, lo scorso aprile siamo stati al Desertfest in Inghilterra e ora suoneremo alle Fær Øer… ma sarebbe davvero bello poter incontrare nuove persone, suonare per diverse e nuove audiences. In Islanda, il pubblico deve essere sempre ubriaco per divertirsi davvero, mentre in altri paesi non è così, la gente arriva presto e si diverte comunque anche senza bere, così ci divertiamo anche noi. Quindi noi ci speriamo davvero, sia a livello di partecipazione a festival che per un tour europeo. Probabilmente faremo dei piani più precisi dopo aver pubblicato l’album.

La nostra intervista giunge ora al termine. Volete aggiungere qualcosa?

Gyða Grazie per l’attenzione che ci hai voluto dedicare e invito tutti ad ascoltare la nostra musica e conoscerci meglio, sperando di poter suonare un giorno anche in Italia! 

Scoprite gli Angist su Facebook, Bandcamp, YouTube e Last.fm