29 December 2012

Aggiornamenti per l'anno nuovo

Come già in precedenza annunciato, per l'anno nuovo due saranno i fulcri principali del mio lavoro: il report dell'edizione 2013 del Wacken Open Air, con particolare interesse per le finali della Metal Battle e per alcune esibizioni live e quello della Metal Battle faroese, che già quest'anno ha riscosso un inaspettato successo.

Parallelamente, continuerà il mio lavoro presso Metallized, che verterà sopratutto sulla produzione di recensioni, che potete trovare in ordine cronologico qui. Sempre per Metallized continuerò la mia produzione di live report e articoli. In particolare, come già annunciato, dopo una pausa dagli eventi live necessaria per altri impegni contingenti, potrete trovare su queste pagine i reportage della Wacken Metal Battle Føroyar (15-16 marzo) e dell'unica data italiana dei Meshuggah (30 aprile). Altri live report che verranno annunciati man mano.

Ciò detto, ringrazio lettori assidui e saltuari visitatori per il supporto durante quest'anno ricco di novità e soddisfazioni, nonché le mie due collaboratrici alla parte fotografica, Emma Costi Eija Mäkivuoti, per il loro contributo fondamentale e la grande disponibilità. 

Akaah

Hamferð chosen as band of the year 2012

Hamferð has been chosen as band of the year in the Faroe Islands, during the Planet Awards night held yesterday
World famous metal band Týr was running for the same prize, together with three other Faroese bands: 200, Frodi & The Pink Slips and Divaz.

During the same evening, also other Faroese artists have been awarded: Eivør (best female singer, best solo artist and best album release with her brand new album Room), Hans Andrias Jacobsen (best new solo artist), Finnur Koba (best male singer) and Vanja (best song with All In).



04 December 2012

Article: about the Faroese metal scene

Check the Italian version of this article here

Faroe Islands: 18 islands, halfway between Iceland and Norway. 49000 inhabitants, less than half of an average quarter of Rome. Hostile climate, strong people. Maybe some of you have already heard of Tórshavn while watching a football match. Surely a wider section of our readers knows something about the islands thanks to the viking metal band Týr (from the remake of the national anthem Tú Alfagra Mitt Land on), certainly the most famous and representative band of Faroese metal scene. But is Faroese metal just made up by this band? Or is there something more than just Týr? The answer to the latter question is yes, as the metal scene made in Faroes has much more to offer than you can imagine. 

In fact, despite being around twenty years old, the Faroese metal scene has already reached a high level of maturity and variety. Established in the early 90’s, as a result of the ideas coming from a group of young people without a specific musical training, but with a great passion for classic bands such as Kiss, Iron Maiden and Twisted Sister, this scene started with cover bands, which were very active also within the pop music scene. At that time one of the most representative ones was Betrayer, which focused on covering timeless popular songs from Iron Maiden, Pantera, Slayer, Metallica and Megadeth. During the following years, slowly but inexorably, more bands having their own music style were founded, such as Mold, a rock/grunge band with English lyrics, active for seven years between 1992 and 1999, during which it published two full-lengths, Oblivion, which evolved from hard rock to metal with early death metal influences or Wolfgang (formerly known as Cruiser), the first band created by Gunnar Thomsen and Heri Joensen, active until 1997.

Later in 1998, another group was formed, the one that, according to most metalheads around the world still is the Faroese band par excellence: Týr. Founded by Thomsen and JoensenTýr have gained more and more popularity over the years, especially among fans of viking metal who could appreciate, reasonably for the first time, lyrics and themes inspired by the traditions, history and mythology of this Nordic nation (the name Týr itself is inspired by a Scandinavian god of justice). Not to mention, a touch of national Faroese pride, which is pretty common among this population. Heri Joensen, which is also the founder of another progressive metal band, Heljareyga (formed in 2009 with four other young musicians), has become over the years a point reference within this music scene, a well-known music teacher as well as a supporter of the preservation of some local traditions of these Islands, which have recently ended up at the center of an international controversy.


In the last decade, Faroese metal has quickly developed itself and many bands with an high potential and fresh ideas were founded. Among the best known, at least to the Nordic and German audience, SIC (pronounced as sick) certainly needs to be mentioned: founded in 2002 this quintet had released so far two full-length and one live album, playing an aggressive death/thrash metal heavily influenced by hardcore, choosing a musical style that resembles to Danish Hatesphere, to which SIC has been the opening act in 2009. Another Faroese band that has managed to play throughout Europe is Synarchy, a band characterized by its energetic melodic death metal style. During the last few years, more recently founded bands have stood up, such as Incurse, a notable thrash metal combo with old school Metallica influences, Earth Divide, playing non-commercial and charismatic metalcore music, which sounds way more original than the most of newly founded bands I’ve ever heard, or The Apocryphal Order, a thrash/death metal quartet which, despite having recently moved to Denmark, can still be considered as Faroese. Not to mention the case of 200, a band founded in 1997 as an alternative rock band with Faroese lyrics, which over the years has developed as the only punk/rock group of these Islands, becoming thereby a genre of its own. A risky choice, which as for now seems to be worth it.


However, within this latest wave of new groups, the name that is mostly known among the Italian public is Hamferð. In fact, since last year,this doom metal sextet has recently achieved many important goals. Founded in 2008, they became known in Europe and in Italy in the fall of 2011 while touring with Moonsorrow and Týr, surprising the audience with great opening acts act characterized by their elegant stage presence, giving off the feeling of a funeral procession and their mysterious lyrics, all sung in Faroese. As stated by their frontman Jón Hansen, this linguistic choice was inevitable, as the term Hamferð (a word that is not directly translatable, but describes sort of a visual appearance of a person, who most likely faces the inevitability of death) being a concept closely linked to the tradition of Faroe. Not surprisingly, last spring the Hamferð were announced by an international jury as the winners of the first edition of the Wacken Metal Battle Føroyar, later winning also the international finals held at WOA 2012 , gaining the opportunity to sign a contract with the famous label Nuclear Blast. Contrary to what one might have expected, during competition, held for the first time in 2012 with the support of local sponsors as Tutl, the Norðurlandahúsið í Føroyum and Ljóð og Tøkni the sense of pride that this nation feels for his musician has impressed everyone. In fact, the atmosphere during that night was absolutely quiet and in a way familiar, with all the musicians appearing more like family members, rather than as artists engaged in a no holds barred close competition.


This "familiar" and very open minded approach has been appreciated during other events as well, such as, the most important Faroese summer open air event, the G! Festival. Established in 2002 from the idea of the musician Jón Tyril, this festival has seen its metal component increasingly expanding over the years -enriched with performances not only of local artists, but also of well-known international bands such as Arch Enemy and Meshuggah-, without losing the support of the population. How many Italian festivals with a 3-day program that ranges among the most different genres, such as the G! Festival’s one, go (almost) sold out? None. But in the Faroes, it happens often because the support to the music scene is constant and deep-rooted, and the genre is often considered just as a label, a fact that allows many musicians to be members of two or three different bands at the same time because, in the end, the only important thing is making music.


The effects of this attitude, so far from all those sterile polemics which recently become common among the Italian metalheads, culminated this summer with the first page of a popular national newspaper entirely dedicated to Hamferð and their victory in Germany. All this certainly does not mean that the among the Faroese population there aren’t any detractors of metal music, as still being an area where religion and traditions matter so much. Moreover, a few months ago great was the uproar surrounding large cuts in the national art funding, which are likely to have a very negative influence on the productivity of artists. However, these artists keep on doing their best with what they have and feeling as members of a single group, rather than a competition of bands who feel threatened by the others. This is how really passionate musicians should behave, and that’s something I'd like Italians to learn, instead of always arousing bitter controversy. Controversy which, along with economical problems, have prevented events such as Wacken Metal Battle Italy to be organized since 2011.

Moreover, it should be noted that all of these bands continue to rely on an important point of reference, the Tutl Plátufelagið, founded in 1977 by Danish musician Kristian Blak. It is better described as the Faroese Music Center, rather than as a regular record label, as it publishes and supports all Faroese artists who are interested in making albums. Over the years, it has become the most important reference of the Faroese national scene and, in the last five years, has managed to sign agreements with other European labels, in order to further the impact of Faroese music and allow more artists to perform during festivals held throughout Europe.


Also thanks to this important commitment, the attention of Europe has begun to turn to this scene as a source of inspiration and new interesting musical proposals. Through the modern technologies that allow foreigners to contact all the Faroese band through social networks and purchase their products from the site of Tutl, it is now easier to get to know something more about this small nation and its music. 
For next year a new challenge has already launched: the Wacken Metal Battle Føroyar
will be doubled, making it last two days instead of one and with at least 2-3 more groups playing. Awaiting 2013 edition of the Wacken Open Air, during which two Faroese groups will be playing, quite a record for this country, small but with a great potential.


Photo of G! Festival taken by Ólavur Frederiksen
Photo of Týr taken by Emma Costi,
check her deviantArt profile and Facebook page
Photos of Hamferð and of all other bands playing live taken by Eija Mäkivuoti
check her website and Facebook page

21 November 2012

Into Darkness 2012 live report

Estragon, Bologna. Nuovamente un festival infrasettimanale. Nuovamente biglietto da 30€. Nuovamente un pubblico sottotono, nel numero e nell'umore, decisamente non da grandi occasioni. Eppure, all'Into Darkness, hanno suonato quest'anno gruppi che raramente si vedono sui palchi italici. C'è qualcosa che la Rock The Nation dovrebbe ripensare?
Ad ogni modo, per chi c’era e chi no, ecco quanto accaduto nella tappa bolognese dell'ultimo nato tra i festival RTN, 
Into Darkness, edizione 2012


Ad aprire la serata sono i greci Scar of the Sun, che iniziano il set un po’ in sordina, con due brani poco aggressivi, 8th Ocean Dried e Disciple Of The Sun, che trovano un tiepido riscontro tra lo scarno pubblico presente. Andando avanti con il set, tratto dall’ultimo full-length A Series of Unfortunate Concurrencies, la band di Atene ritrova però il carisma, anche grazie agli interventi del suo frontman Terry Nikas capace, con il suo fluente italiano, di coinvolgere in maniera più attiva i presenti, anche con non casuali errori, come quello di confondere ripetutamente la venue bolognese con Milano, nonostante le correzioni degli astanti. Tuttavia, quello che manca a questo gruppo, senza dubbio con molte potenzialità, è un po’ di chiarezza nel proprio stile. Quello che la band stessa etichetta come modern atmospheric metal, è infatti un doom metal pesantemente ibridato dal death, dove a passaggi energici, dominati dalla chitarra di Greg Eleftheriou, si intervallano inaspettati stacchi strumentali, lenti e atmosferici. Nonostante questo aspetto, la closing track Gravity -sicuramente la migliore del set- dimostra che gli ateniesi non mancano di capacità e che da loro, con tutta probabilità, è lecito aspettarsi un futuro produttivo.

Setlist:
1. 8th Ocean Dried
2. Disciple Of The Sun
3. I Lost
4. Swansong Of Senses
5. Gravity



A smorzare i toni della serata, tuttavia, è il set degli svedesi Lake of Tears. On the road da 20 anni tondi, questo quartetto porta in scena un progressive/doom/gothic metal poco performante che, accompagnato dai vocals piuttosto scialbi del frontman Daniel Brennare, contribuisce a dare un senso di poca fluidità e coerenza all'interno dei brani, nondimeno a convincere una parte non trascurabile del pubblico ad occupare i lunghi 45 minuti loro dedicati con qualsiasi attività non includesse l'ascolto della performance. Un gruppo che dall'organizzazione ha ricevuto tanto, ma che ha saputo trasmettere poco, con un'interpretazione poco vissuta, una scelta di brani vagamente simili l'uno all'altra e ad una mancanza di entusiasmo generale. Non a caso, se dopo vent'anni di carriera si è ancora fermi a livello di opening act, un motivo ci deve pur essere.

Setlist:
1. Taste of hell
2. Illwill
3. Demon you/lily Anne
4. Raven Land
5. The greymen
6. Boogie bubble
7. So fell fell autumn rain
8. House of the setting sun
9. Crazyman



A risollevare le sorti di una serata stravolta dai Lake of Tears ci pensano gli Swallow The Sun che, nonostante un set di durata ridotta, riescono a mettere in piedi un concerto molto interessante, che non comprende solo brani dall’ultimo, brillante album Emerald Forest and the Blackbird, ma spazia all’interno della discografia dei finlandesi fino a tornare agli esordi di The Morning Never Came.
Dal punto di vista strumentale la band si presenta concentrata e carica, dando ottima prova di sé, sotto l’egida di un marziale Kai Hahto, che già si era visto all’Estragon solo poche settimane prima a sostegno dei conterranei Wintersun. Pur mantenendo un rapporto tipicamente finlandese con il pubblico, un po’ freddino e privo di grandi discorsi, il sestetto si dimostra molto attivo sul palco e in grado di ravvivare anche i passaggi più lenti ed oscuri (rappresentativo in tal senso è l’atteggiamento on stage del tastierista Aleksi Munter). Ma, a guastare la festa del sestetto di Jyväskylä ci si mettono i problemi tecnici, che non vanno solo a rovinare la prima parte della centrale Labyrinth of London (Horror pt. IV), ma pregiudicano irreparabilmente i vocals del frontman Mikko Kotamäki, mal amplificati e davvero poco fruibili per l’intera durata dell’esibizione. Un peccato mortale, specialmente perché riguarda un combo che, come gli Swallow The Sun, non si esibisce di frequente in Italia.

Setlist:
1. Emerald Forest and the Blackbird
2. Out of This Gloomy Light
3. Labyrinth of London (Horror pt. IV)
4. Hold This Woe
5. Descending Winters
6. Night Will Forgive Us



In una serata senza un vero e proprio singolo headliner, molta attesa è stata riposta sui portoghesi Moonspell, in tour promozionale per la loro ultima, discussa release Alpha Noir. Tra il pubblico c’era chi si aspettava un set maggiormente improntato sui passati full-length e chi sperava (o temeva) in una scaletta legata esclusivamente ai nuovi brani. In realtà i Moonspell, che come più volte ricordato celebrano quest’anno i vent’anni di carriera musicale, optano invece per un’inaspettata terza via: quella sì di promuovere l’ultimo album, ma di portarne in live solo una piccola parte, saltando poi indietro di oltre un quindicennio, scegliendo le altre tracce esclusivamente da Wolfheart ed Irreligious (rispettivamente del 1995 e del 1996). La scelta dei lusitani sembra pagare perché, dopo un inizio targato 2012 (con tanto di elmo a tema Alpha Noir indossato da un Fernando Ribeiro in grande spolvero durante l’opening track Axis Mundi), il pubblico inizia realmente a scaldarsi con le incisive ed oscure Opium e Wolfshade (A Werewolf Masquerade), noti cavalli di battaglia del quintetto di Brandoa. La band, in grado di dar prova praticamente inappuntabile delle proprie capacità, rende omaggio numerose volte al pubblico italiano, fino a dedicargli in chiusura la classica Alma Mater, che manda in delirio un’audience capace letteralmente di seppellire Ribeiro e soci sotto un muro di grida cantate. Una buonissima esibizione dunque, quella targata Moonspell, capace di rappresentare un giusto compromesso tra passato e presente, tra mera promozione e grandi classici, che davvero non ha completamente scontentato nessuno.

Setlist:
1. Axis Mundi
2. Alpha Noir
3. Opium
4. Awake
5. Wolfshade (A Werewolf Masquerade)
6. Lickanthrope
7. Em Nome Do Medo
8. Vampiria
9. Alma Mater
10. Full Moon Madness



A chiudere il festival, gli svedesi più attesi della serata: i Pain. Reduci dal mezzo fiasco di You Only Live Twice e in tour promozionale in supporto all'ultima fatica, il DVD We Come in Peace, i quattro di Stoccolma decidono di optare per una scaletta classica, ricca di grandi successi e hits storiche, molto simile a quella già portata in scena nel 2008 nel tour a supporto dei Nightwish. Tuttavia, se dal punto di vista strumentale la band dà ampia prova delle sue capacità, non si può dire lo stesso per i vocals di Peter Tägtgren che, specialmente in clean, zoppica in maniera vistosa, glissando a tratti brevi passaggi dei testi. Si saprà poi che il frontman non è salito on stage nel massimo della forma fisica, ma c'è da dire che il produttore e multistrumentista scandinavo non è stato nemmeno particolarmente fortunato, tanto da dover cambiare in corsa microfono durante l'esecuzione del cavallo di battaglia finale Shut Your Mouth. Il pubblico presente sembra comunque non fare troppo caso alle varie vicissitudini del cantante, acclamando la band per tutta la durata del set, lungo solamente sessanta minuti. Chissà che magari i Pain decidano di organizzare un'altra calata europea a breve, questa volta veramente come headliner.

Setlist:
1. Same Old Song
2. I’m Going In
3. Walking on Glass
4. Zombie Slam
5. Dirty Woman
6. Monkey Business
7. End of the Line
8. The Great Pretender
9. Dark Fields of Pain
10. It’s Only Them
11. Let Me Out
12. On and On
13. Shut Your Mouth


Tutte le foto di questo report sono di Emma Costi
Visitate la sua pagina su Facebook e deviantArt

14 November 2012

Into Darkness: i dettagli per la data bolognese

A poche ore dall'atteso evento, ecco tutti i dettagli per la data bolognese dell'Into Darkness tour 2012. See you there!


10 November 2012

Folkstone live report

In un Palacover di Villafranca diventato, in occasione dell’ultima data de il Confine Tour, una sorta di casa Folkstone, l’atmosfera è quella di un ritrovo familiare. Nessun vero e proprio controllo di sicurezza all’entrata, prezzi assolutamente accessibili, un’area gioco per bambini, un’altra attrezzata per la notte per tutti coloro si fossero visti costretti a pernottare in loco, una grande area per cenare ed un unico, grande leitmotiv comune: t-shirt dei Folkstone e corni da bevuta. Tutti pronti per una serata speciale, quella della registrazione del primo DVD live dei bergamaschi, dal titolo Frammenti, la cui pubblicazione è prevista per l’anno prossimo. E basta dare una breve occhiata alla band sul palco per comprendere che questa è la serata Folkstone contro tutti. 


Fin dall’inizio, emerge infatti un grande classico dei lombardi: i Folkstone contro il sistema. Basta infatti attendere i cavalli di battaglia Aufstand! e Non Sarò Mai, per sentire l’orgoglio ribollire nel sangue, l’orgoglio di una band che ha deciso di non firmare per nessuna label, di non sottostare a nessun manager o ordine dall’alto, ma di fare tutto da sé, prendendosi tutti i rischi, soprattutto economici, del caso. Il fedele pubblico li acclama, li inneggia, li chiama a gran voce: anche in questa speciale occasione, i Folkstone hanno vinto di nuovo, riuscendo a richiamare attorno a sé un folto pubblico, al quale viene dedicata la lunga, quasi eterna scaletta della serata, che spazia all’interno di tutte le pubblicazioni presenti nella loro discografia. Ma non è certo solo all’ambito musicale che si circoscrive lo spirito ribelle, diretto e polemico dei bergamaschi che, con Simone Pianetti, spronano ad una ribellione della gente comune, che arrivi dal basso, contro tutte quelle figure inutili che ci mettono i piedi in testa, contro la stupidità tanto osteggiata nella di poco precedente Nebbie. Il motto che risuona tra il pubblico è Ci vorrebbero più Simone Pianetti, e, d’altronde, data l’attuale situazione italica, come si fa a dar loro torto? 


Ma i Folkstone dimostrano di schierarsi anche contro le polemiche e le critiche, contro chi bolla certi generi musicali come di nicchia, e qui si ritrova un vasto pubblico dai 5 ai 70 anni, contro chi si lamenta e vorrebbe sentire più folk, e vede eseguiti anche brani in acustico (Anomalus e Sgangogatt), contro chi, appena entrato, si lamentava della scarna scenografia, e poi ha assistito ad una sua radicale trasformazione in live, con l’intervento di mangiafuoco per In Taberna e la proiezione sul fondo di effetti grafici e video della band, tra i quali quello del il nuovo singolo, Respiro Avido, particolarmente d’effetto. Ma anche contro chi pensa che un combo del genere non possa tener botta, e poi assiste ad un concerto di oltre due ore, dall’interessante scaletta che spazia tra le più diverse tematiche, con un solo encore e pause pressoché inesistenti. Perché i Folkstone sono così, sempre pronti a sorprendere e a stupire, pur restando nella loro semplice umiltà, nella ferma convinzione che Omnia Fert Aetas


E infine, Folkstone contro gli imprevisti in live. Non trascurabili sono stati infatti dei problemi tecnici di varia natura che, nella gran parte dei casi, sono andati a rovinare solamente brevi passaggi dei brani ma che, durante l’esecuzione di Un'Altra Volta Ancora, in cui alla voce è stata sorprendentemente lasciata la sola Roberta, sono stati talmente fastidiosi da dover costringere i bergamaschi alla riesecuzione del brano, per permettere una sua ottimale registrazione all’interno del DVD. Tuttavia, questa rimane l’unica vera e propria nota negativa di una serata con un generale alto livello, dove tutti e nove i musicisti si sono espressi al meglio delle loro capacità, senza incappare in errori rilevanti. 


Nell’ultima data del tour, alla vigilia di una lunga pausa che li terrà lontani dai live per alcuni mesi, i Folkstone vincono contro tutti, tanto da voler omaggiare i propri seguaci con un’ultima chicca finale: circa una ventina di minuti dopo la fine ufficiale del concerto, i lombardi hanno offerto ai presenti in sala un breve show strumentale, a base esclusivamente di cornamuse e percussioni. Una serata veramente energica e, grazie anche alla collaborazione del Palacover, interpretata per intero in una chiave familiare e tranquilla, che spesso manca a questo genere di eventi. Tanto che la guardia di finanza, presente in forza con i cani antidroga, ha trovato di stupefacente solo il pubblico dei Folkstone! 

Setlist
Il Confine 
Grige Maree 
Aufstand 
Non Sarò Mai 
Alza Il Corno 
Lo Stendardo 
Anime Dannate 
Terra Santa 
Respiro Avido 
Anomalus 
Ombre Di Silenzio 
Nebbie 
Folkstone 
Frerì 
Un'Altra Volta 
Ancora Frammenti 
Sgangogatt 
Briganti Di Montagna 
Luna 
Omnia Fert Aetas 
Simone Pianetti 
Nell'Alto Cadrò 
In Taberna 
Rocce Nere 
ENCORE 
Longobardia 
Vortici Scuri 
Con Passo Pesante

02 November 2012

Folkstone to record first live DVD

I Folkstone, una delle migliori band per quanto riguarda il folk italico, domani riuniranno tutti i propri fans in quel di Verona, precisamente al Palacover di Villafranca, per la chiusura del loro Il Confine tour e per registrare quello che diventerà il loro primo DVD live.

Come inviata per Metallized, sarò presente anche io alla serata, sulla quale poi verrà pubblicato un doveroso report, che potrete ritrovare anche su questa pagina. Per tutti coloro che saranno presenti alla serata, ecco l'orario definitivo:
- apertura cancelli: 19.00
- inizio concerto: 22.30 (non ci saranno band di supporto)

Per ulteriori dettagli pratici e cambiamenti dell'ultimo minuto, visitate anche la pagina ufficiale dell'evento, mentre date un ascolto a Respiro Avido, il nuovo singolo, rimasto fino a poco tempo fa inedito, in vista di questa grande occasione. 

30 October 2012

Heidenfest 2012: live report

Ancora Heidenfest. Ancora Bologna. Ancora pienon…no. In un Estragon chiuso per un quarto, i metalheads non fanno fatica ad entrare, non c’è fila, semplicemente non c’è tanto pubblico quanto ci si sarebbe potuto aspettare. Sarà la crisi, sarà la data infrasettimanale, sarà il prezzo del biglietto.. ma probabilmente, a metterci del suo, è anche un billing poco attraente, con 5 gruppi al posto dei sei dell’anno scorso, di cui ben quattro band viste e riviste sul territorio italico, con esibizioni che risalgono solo a pochi mesi fa. A trainare le vendite avrebbe dovuto essere l’esibizione dei Wintersun, ma una sola oretta di finnici per molti non è valsa la spesa. Ad ogni modo, per chi c’era e chi no, ecco quanto andato in onda per la serie Heidenfest, episodio 2012.


Dopo la figura più o meno barbina del Metalcamp ’12, i Krampus tornano nuovamente a calcare un palco internazionale, così come loro spetta dopo aver vinto un concorso indetto dalla Live the Nation. La mezzora dedicata a questa interessante realtà emergente italiana passa in fretta, ben coadiuvata da un pubblico rumoroso e relativamente numeroso, per essere le sei del pomeriggio. Il combo, intento a promuovere il proprio primo e più recente album Survival Of The Fittest, riesce a convincere certamente di più rispetto a quanto dimostrato in quel di Tolmin ma, se si fa la sola eccezione di Matteo Sisti, la band risulta meno coinvolgente di quanto si potesse aspettare. L'umiltà e la semplicità rimangono i leitmotiv di questo combo che, tuttavia, potrebbe certamente osare di più.

Setlist
1. Beast Within
2. Rebirth
3. Kronos' Heritage
4. Redemption
5. The Bride
6. The Season Of Revenge


Trollfest: chi non muore si rivede! Ad un anno dalla scorsa edizione dell’Heidenfest, alla stessa posizione nel running order, ritroviamo l’allegro combo dei 7 norvegesi, che esordiscono in una delle loro classiche mise sbarazzine, questa volta dedicata all’ape, simbolo del nuovo album, Brumlebassen. Rinnovati nella formazione, con due session al basso e alla chitarra (rispettivamente, Øyvind Strönen Johannesen e Meister Müller), gli scandinavi non fanno una piega e riescono a convincere e divertire con brani brevi e folkeggianti come il nuovo singolo TrinkenTroll o lo storico Der Jegermeister, ma anche a dare ottima prova delle proprie capacità strumentali in tracce come Rundt Bålet, anche con l'ausilio del violinista dei KorpiklaaniTuomas Rounakari. Peccato che, prima con il growl, poi con le backing vocals in clean, i tecnici del suono non abbiano fatto un lavoro all’altezza dell’Estragon, impoverendo più di un passaggio cruciale dei simpatici sette di Oslo, che chiudono, accompagnati dai Krampus, con la storica Helvetes Hunden Garm.

Setlist:
1. Den Apne Sjo
2. Brumlebassen
3. Brakebein
4. Illsint
5. Trinkentroll
6. Karve
7. Der Jegermeister
8. Rundt Bålet 
9. Helvetes Hunden Garm


Altra vecchia conoscenza dell’Heidenfest sono i Varg che, in fase di promozione della loro release Guten Tag, sembrano ripetere l’esibizione del 2011, con una grande aggressività musicale che fa a pugni con una quasi totale immobilità del combo sul palco, nonostante a muoversi potrebbero essere al massimo in tre. Il momento migliore dell’esibizione dei teutonici rimane tuttavia quello dei singoli, quelle fiere ed aggressive cavalcate come Schwertzeit e Blutaarche sono diventate ormai il biglietto da visita di questo quartetto. Ancora una volta, però, il pubblico italiano dà prova di non sapere cogliere la sottile differenza che passa tra sentirsi chiedere un circle pit e iniziare a moshare, o che un wall of death non si inizia al primo riff di chitarra, ma sarebbe indicato attendere oltre. L’espressione facciale di Freki al riguardo è stata quanto mai emblematica, ma il frontman di Coburg decide si soprassedere e chiudere l’esibizione dei teutonici con un guest, Jonne dei Korpiklaani, che interviene come backing vocals in clean e scream in A Thousand Eyes.

Setlist:
1. Guten Tag
2. Schwertzeit
3. Angriff
4. Horizont
5. Wir Sind Die Wölfe
6. Was Nicht Darf
7. Blutaar
8. A Thousand Eyes
9. Rotkäppchen
10. Viel Feind Viel Ehr




Korpiklaani a due facce: questo il responso dopo l’ora tonda di live bolognese dei folkers finlandesi. Una, forse la più sorprendente, quella che lo storico sestetto ha cominciato ad indossare dopo l’uscita della sua più recente fatica, Manala, ma soprattutto dopo l’entrata in formazione del nuovo violinista (e affermato etnomusicologo) Tuomas Rounakari, che ha permesso alla band di sbarazzarsi di parte di quell’anima festaiola e alcolizzata che facilmente gli aveva permesso di pubblicare la media di una release l’anno, senza apparentemente dare molto interesse ai contenuti e al livello qualitativo messo in campo. I Korpiklaani sono infatti tornati alle origini (vi dice qualcosa Pellonpekko?), suonando sul palco un lungo set epurato da tutti i singoli folleggianti (eccezion fatta per Juodaan Viinaa), formato in gran parte da canzoni in finlandese, prevalentemente scelte proprio dall'ultimo nato Manala, e da interessanti stacchi strumentali in cui Rounakari dà ottima prova della sua formazione sulla musica folk ugro-finnica. L’altro lato, quello negativo, ha un solo nome: Jonne Järvelä. Il frontman dei finnici, abbandonata la chitarra, sembra infatti non averne più, costretto da una parte a ben 3 pause (che, in 60 minuti, sono qualcosa di notevolmente preoccupante) e, dall’altra, ad interpretare le canzoni con poco entusiasmo e con una voce più roca e impalpabile del solito, finendo a cantare realmente a caso il testo di Ievan Polkka, visto che, con tutta probabilità, non prevedeva che qualcuno si fosse preso la briga di saperne le parole (o che ci fosse una finnista in sala, forse?). Il giudizio sul ‘selvaggio clan’ rimane sospeso, in attesa di vedere quale delle due anime al momento compresenti avrà la meglio sul destino di questa affermata band.  

Setlist 
1. Tuonelan Tuvilla
2. Journey Man
3. Ruumiinmultaa
4. Juodaan Viinaa
5. Metsämies
6. Kipumylly
7. Ievan Polkka
8. Metsälle
9. Sumussa Hämärän Aamun
10. Vaarinpolkka
11. Lonkkaluut
12. Rauta
13. Viima
14. Pellonpekko




Ed ecco, finalmente, il turno di Jari Mäenpää e soci, senza dubbio l’act più bramato dell’intera serata, vista anche l’ampia fetta di pubblico che ha atteso fuori dalla venue, ignorando i gruppi precedenti, nella sola attesa del quartetto finlandese. La tensione si taglia con il coltello: dopo quasi un decennio di annunci, cancellazioni ed imprevisti e ad un solo giorno dall’uscita ufficiale di Time I in Italia, molti dei fans storici temono un concerto non all’altezza, che vada a frantumare le tante speranze riposte in questi ultimi anni. A Mr. Mäenpää basta però solamente iniziare a cantare sulle note di Sons of Winter and Stars per far capire a tutti che ne è valsa la pena, che i Wintersun ci sono ancora e che difficilmente qualcosa riuscirà a fermarli. Ma, effettivamente qualcosa in quel di Bologna riesce a limitarli: la lunghezza del set. È infatti una vera e propria Battle Against Time quella che il combo di Helsinki è costretta a combattere, a suon di ritmiche velocizzate e pezzi accorciati: d’altronde, dare solamente 70 minuti ad degli headliner le cui canzoni difficilmente scendono sotto i 10, era sembrato a tutti un pesante errore fin dagli inizi. Per fortuna, almeno per questa esibizione, i tormenti tecnici sembrano dare una tregua, rendendo l’intera scaletta pienamente godibile. Certo, il fatto che orchestrazioni e tastiera fossero registrate, ha reso l’esecuzione meno profonda di quanto non lo sia su cd, ma guardare queste quattro brillanti menti chiudere il festival con la cavalcata Starchild, tra le ovazioni del pubblico, fa pensare che, dopo tutto, c’è chi per i miracoli musicali si è veramente attrezzato.

Setlist
1. Sons Of Winter And Stars

2. Land Of Snow And Sorrow
3. Battle Against Time
4. Death And The Healing
5. Darkness And Frost
6. Time
7. Beyond The Dark Sun
8. Starchild

17 October 2012

Heidenfest: ultimi dettagli per la data bolognese

Ad una settimana dall'atteso evento, ecco tutti i dettagli per la data bolognese dell'Heidenfest 2012. See you there!

12 October 2012

Til Rasmus Rasmussen

For once, I want to use this space for a personal reason: remembering the great Rasmus Rasmussen. Words are sometimes needless, expecially when such a big and unexpected loss happens. I had the privilege to meet him and, that time, I immediately felt  it was a exceptional man I was talking to, even if I've clearly known him more for his music than personally. And, I'd like to remember him listening to the one of the songs composed by Rasmus I've loved most, while sending my deepest condoleances to all the great and extraordinary music family of the Faroe Islands.


Moreover, I'd like to share the thoughts of Jón Hansen, frontman of Hamferð and Hatursvart and great friend of Rasmus: 

I’m writing this in English in hopes of reaching as many as possible.

Rasmus Rasmussen, friend, musical collaborator, extraordinary musician and extraordinary human being, was yesterday morning found lifeless in the beautiful Tórshavn plantation, his beloved and oft-visited place of solace.

Words for this loss are hard to come by, as I have struggled to find the right ones. Many personal feelings I have about his death are hard to describe in a satisfying way, and so they will remain personal for now. But then again, whatever may be spoken or written in his memory will not do him complete justice.

Fortunately for all who survive this wonderful man, he has more than done justice to his own existence by leaving a consistently touching, challenging and original body of musical work for us all to keep. Within each of his compositions lies a piece of the essence that is Rasmus, and I am certainly one of those, who has traversed and recognized the sonic inner landscapes of his music. He was one of those rare musicians who could make his guitar sing his purest emotions in a way that truly touched others.

I urge you all to visit his YouTube page, where he has published songs from throughout his discography, ranging from ambient works, through melancholically drenched guitar-instrumentals and beautiful gothically tinged rock with his former band Makrel (for those who enjoy such bands as Anathema and Katatonia), to raw Metal-songs of great diversity, all bearing the distinct sensibilities, originality and passion of Rasmus’ performance.

To all who loved Rasmus and his music: Share his songs as much as you can. I personally find it to be the truest way of honoring his impact on our lives!

The spirit of Rasmus Rasmussen lives forever!
-  Jón Hansen 

08 October 2012

WMB Føroyar: the 2013 edition is ready

Big news are coming from the Faroe Islands: the Wacken Metal Battle 2013 is now officialy going to be held again in the Faroese capital, Tórshavn and, next year, this great event will double its value, lasting 2 days for the first time. So, if you are around, don't miss this great opportunity to feel the thrill of the Faroese metal music: 15th - 16th MarchSjónleikarahúsiðTórshavn.

To know more, check the Wacken Metal Battle main page on Facebook or the Wacken Metal Battle official website!


04 October 2012

Wacken 2013: primo aggiornamento

L'edizione del Wacken Open Air 2013 è, inaspettatamente, sold-out già da oltre una settimana, ma le aspettative dei metalhead da tutto il mondo sono tutte rivolte verso le notizie e gli annunci delle band che suoneranno il quel di Wacken il prossimo agosto. L'organizzazione del festival, per ora, si è limitata ad annunciare solo una ventina di nomi, non tutti per altro di punta, ma molto c'è da aspettarsi dalle comunicazioni in arrivo nei prossimi due mesi.

Ciò detto, approfitto dell'occasione per annunciare che questa pagina seguirà  direttamente la prossima edizione di questo grande evento, con una particolare attenzione alla Metal Battle e a quanto di nuovo può emergere da questa competizione. Inoltre, grazie alla rinnovata collaborazione con gli organizzatori della Wacken Metal Battle FøroyarFróði T. Stenberg e Teitur E. Fossaberg, attenzione verrà nuovamente data sia alle finali nazionali faroesi, sia all'esibizione delle due band faroesi a Wacken (la vincente del 2013 e gli Hamferð, trionfatori del 2012).


Il billing per l'edizione 2013 è attualmente il seguente:

Amorphis
Anthrax
Arch Enemy
ASP
Bob Wayne
Candlemass
Deep Purple
Die Kassierer
Doro
Eskimo Callboy
Haggard
Hamferð
Hate Squad
Ihsahn
Leprous
Lingua Mortis feat. Rage
Nightwish
Rammstein
Sabaton
Scott Ian - Spoken Word
Soilwork
Sonata Arctica
Subway To Sally